• Fondazione 'Nicola Irti'

    Fondazione 'Nicola Irti' per le opere di carità e di cultura

Intese e convenzioni

Intesa per la cultura carceraria

    La Fondazione ha stipulato, il 21 dicembre 2017,  un Protocollo di intesa con il Consiglio superiore della magistratura e il Ministero della giustizia–Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria per promuovere “percorsi di cultura generale e di formazione civile in favore dei soggetti in esecuzione di pena con un programma annuale da realizzare in due o tre Istituti penitenziari di volta in volta individuati, mediante la partecipazione di esperti e personalità del mondo della cultura e del diritto”.

    L’intento è quello di coinvolgere i detenuti su questioni decisive anche “fuori” dal carcere: dai temi legati alla Costituzione, a quelli riguardanti l’ambiente, l’economia, l’informatizzazione, la robotica e l’educazione musicale, ponendo al centro il rispetto della persona in carcere, in coerenza con il principio della natura rieducativa della pena enunciato dall’articolo 27 della Costituzione. Il Protocollo prevede che i detenuti più meritevoli siano premiati con l’assegnazione di borse di studio. 

    Il Protocollo è stato presentato il 18 gennaio 2018 all’Accademia dei lincei da presidente della Corte costituzionale, Paolo Grossi, alla presenza del presidente della Fondazione, Natalino Irti, del vice presidente del CSM, Giovanni Legnini, e del capo del DAP, Santi Consolo.

    In attuazione del Protocollo sono stati organizzati, tra il 2018 e il 2019, alcuni incontri presso gli istituti penitenziari di Regina Coeli, Rebibbia e Sulmona; dopo un’interruzione legata all’emergenza sanitaria da coronavirus, nuove attività e ulteriori incontri sono in corso di definizione.

Via A. Vesalio, 22 - 00161 - Roma | Tel +39 06 44246059   Fax +39 06 44246207   Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - CF 97682680588